Category Archives: BAMBOLE E PUPAZZI

APINE LABORIOSE

Le mie clienti sono sempre magnifiche: tirano fuori idee davvero particolari! e’ il caso di Francesca, che ha voluto regalare alle sue colleghe di lavoro un pensierino natalizio che non richiami affatto la festività ma piuttosto la loro unione professionale e l’affetto che hanno l’una per l’altra.
Per questo motivo ho atteso un pò prima di pubblicarlo, perchè questi simpatici pupazzetti possono essere realizzati per qualsiasi occasione. Nati come portafortuna per la scrivania, possono essere adattati, nella loro dimensione, anche a cake topper.
Il significato credo sia ovvio: tante apine laboriose, che ogni giorno si danno da fare per mantenere il proprio alveare sano, ricco di idee e sopratutto sereno. A capo, la loro “regina” che donando un fiore, dimostra di non essere un capo, che impartisce ordini, ma un leader che si fa ascoltare e seguire con grande professionalità!
Grazie Francesca per la tua brillante idea e grazie per aver permesso a me di concretizzarla!

UNA TARTARUGA DA COLLEZIONE

Come terminare al meglio l’anno scolastico se non ricevendo il prestigioso incarico di realizzare una tartaruga terrestre per arricchire la collezione della maestra? Felice di aver completato la creazione in tempi record e sopratutto di aver soddisfatto le aspettative!
ci rivediamo a settembre care maestra!

BAMBOLINA CON TRECCE

Altre due  dolci bamboline da abbracciare forte – forte. La dolcezza di queste creazioni mi ha stretto il cuore. Le bimbe alle quali sono destinate avranno da oggi una’amica molto speciale!

PICCOLA ROSE E’ TORNATA

Ho pensato di realizzare una nuova piccola Rose 
poichè era davvero tanto che non riproducevo la creazione che ha dato vita al mio logo. Questa bambolina si differenzia dall’ l’originale per la grandezza (decisamente più piccola), diciamo che può essere considerata un pò più a portata di bambina. La dolce Rose è tornata!

Una lalaloopsy in pannolenci

A quasi due anni dal mio primo tentativo e dal  e dal Loopsy Boy ho voluto riprovare questa mia personale “bestia nera”.
Mi piace tantissimo come bambola, ma ci sono sempre quei limiti che non riesco a superare. E questa creazione, malgrado mi sforzi a dovere, non è perfetta come vorrei. Ho cercato di essere il più fedele possibile al pensiero “lalaloopsy”, facendo nei capelli dei simpatici boccoli fucsia con tanto di coroncina centrale.
Qualcosa mi sfugge però, e non so capire cosa..

Lalaloopsy

ELFO PORTADONI

Quando si dice: “personalizzare le decorazioni natalizie”.
Ebbene, quest’anno l’ho voluto fare.
Basta con cineserie realizzate in serie, questa volta ho voluto distinguermi! Così ho tirato giù da pinterest un pò di idee e cartamodelli e tra i tanti ho scelto questo simpatico Elfo, di cui mio figlio Thomas si è innamorato. Per il regalo più che altro!
Credevo lo avrei realizzato più piccino, invece poi una volta terminato mi sono resa conto che non sarebbe potuto venire meglio di cosi! giuste proporzioni per arredare la mia credenza!
Ben fatto!

ROLLY IL PIRATA

Tra i tantissimi cartamodelli, disegni, creazioni che ho accumulato grazie a Pinterest, da tempo, ne avevo una che volevo realizzare (in verità ce ne sono parecchie, e non finirei mai!!!). Il pupazzo di un pirata.
L’originale in verità era un pò più magro, non aveva l’orecchino e nemmeno la bocca. Ecco, questa cosa della bocca non mi piaceva affatto. Così, seguendo quell’immagine, ho apportato qualche modifica per me essenziale.

Mi sono aiutata con il cartamodello di Fatina Sorrisina, visto che le fattezze erano più o meno le stesse (corpo unito a testa). Il risultato mi ha davvero entusiasmata!!
Questa idea l’ho realizzata per il bimbo di una mia cara amica e quando ne ha ricevuto la foto tramite messaggio è rimasto incantato.

I pirati colpiscono l’immaginario di ogni bambino ed io vorrei che Rolly, così ho chiamato questo pupazzo, diventasse il miglior amico del bambino che lo riceverà. Un bambino bellissimo che, arrivando in Italia avrà, come primo amichetto ad attenderlo, proprio lui.

Rolly lo prenderà per mano in questo lungo percorso che sarà la sua nuova vita, con i suoi nuovi genitori, nella sua nuova città.

Ci saranno tante cose da scoprire e molte altre da imparare, prima fra tutte una nuova lingua che apparentemente potrebbe sembrare così complicata per lui, abituato al suono dolce dell’Europa dell’est.

Come un pirata, dovrà districarsi tra le difficoltà di questo oceano immenso di cambiamenti, senza farsi travolgere dalle onde anomale delle difficoltà. Ma non sarà solo, ci saranno la sua MAMMA ed il suo PAPA’…ed è così bello poterlo dire, poter parlare dei miei amici come un padre ed una madre e non più come i “miei amici” e basta.

Io ti auguro ogni bene tesoro. La vita ti aveva voltato le spalle per un periodo, ma in verità aveva un altro progetto per te… dovevi approdare qui, in questa penisola italiana, all’arrembaggio di una nave che proseguiva il suo viaggio da sola. Come un pirata gentile, sei saltato a bordo, hai afferrato il timone di queste due vite ed hai deciso di navigare con loro. Oltre l’orizzonte ci sarà soltanto il blu del cielo, per te, per voi. Fate buon viaggio, famiglia. Nuove fantastiche avventure vi aspettano!

 

LISA: IL MIO ORGOGLIO!

Ogni “artista” ha il suo capolavoro. Quella creazione che spicca su tutte le altre Ok, non sono un’artista, ci mancherebbe volermi paragonare a colossi come Leonardo o Michelangelo.. o anche solo i Madonnari dei marciapiedi delle nostre città.
Ma concedetemi di “gongolare” su LISA. Il mio pezzo forte.
Bella, bella come mai sarebbe potuta venire.
Onestamente quando l’ho iniziata nemmeno immaginavo di riuscire a terminarla. Avevo nel frattempo cambiato qualche tecnica di base e la stavo provando. Invece mbè che dire… molto molto soddisfatta. E sopratutto perchè questo risultato andrà nelle mani della mia procuginetta LINDA per il suo PRIMO COMPLEANNO oggi 20 Agosto!
Ecco diciamo che mi ero portata avanti coi lavori appunto per avere il tempo materiale di realizzare qualcos’altro nel caso in cui avessi tirato fuori un oggetto non identificato ed invece, questo ottimo risultato sarà il mio personale augurio per un bellissimo primo compleanno al quale purtroppo non potrò partecipare!!!

Auguri Linda! ci vediamo presto!

(testo e foto dalla mia pagina facebook)

LOOPSY BOY: la mia risposta alla bambola Loopsy

Le bambole Loopsy. Da piccola sarei potuta impazzire per una bambola così. Colorata, capellona, sempre con la messa in piega perfetta e le guanciotte rosate. E che dire del colore dei capelli? blu, rosa, viola.. insomma il biondo davvero lascia il tempo che trova!! Vabbè, poi i vestiti e gli accessori davvero alla moda, sbarazzini cosi femminili ed uno diverso dall’altro.

Praticamente ha più vestiti una Loopsy che la boutique di Via del Corso. Persino Barbie muore d’invidia mentre guida la sua ferrari, intorno alla villa con piscina adiacente il ranch.

Che poi la Barbie è in pensione. C’ha pure una certa età e ‘ste nuove sciacquette con minigonne e stivaloni, con o senza ali, le hanno rubato l’esclusiva. Dopo più di 50 anni di onorata carriera… lei e i suoi 101 mestieri, devono cedere il posto a bambole con i bottoni al posto degli occhi o agli stivaloni con le zeppe delle Winx. Che finaccia. Sempre detto io. Meglio non essere nessuno che cadere nell’oblio dopo tanto successo. Non hanno creato Barbie Pensionata o Barbie Depressa perchè secondo me gli faceva pena e volevano ricordarla così, bella bionda/mora/castana/rossa com’era stata un tempo.

Forse penseranno ad una Barbie Rifatta. Almeno torna in pista e le spiazza tutte. Ma poi come glielo spieghi ad una bambina che la sua barbie in realtà non è di plastica ma di silicone? Di non sbatterla troppo altrimenti si sgonfia il seno o si affloscia la pancia? 

Vabbè comunque, visto che Barbie ha il suo Ken, (che poi io non l ho mai avuto perchè giocavo col Big Jim del mio vicino di casa) ho pensato di creare il LoopsyBoy. Detto così suona ambiguo, ma giuro che è tutto limpido e cristallino (cit. Tom Cruise – Codice D’Onore).

La storia è andata così: sotto il periodo di Natale scorso, trascorrevo una settimana di vacanza a casa di mia madre in compagnia di suoceri, bambini e parenti, sicchè la sera, mentre tutti dormivano e tra una puntata di Low and Order ed una di Criminal Minds, ho scaricato una bella immaginetta da google: un Loopsy boy da colorare. L’unica immagine per altro. Credo anzi che non esista nemmeno in commercio. Almeno io non ne ho visti

In conclusione: ricostruendo il cartamodello da quell’immagine, è nato lui. La parte più divertente sono state le scarpe tipo Converse, per le quali mi sono affidata però ad un cartamodello per scarpine da bomboniera 🙂 Mi sono davvero divertita a realizzarle e sono anche soddisfatta del risultato finale. Decisamente meglio del mio primo esperimento, la bambola Linda;  in cui utilizzai proprio il cartamodello Loopsy ma con risultati “Nzomma

Thomas, ci ha preso confidenza un pochino la prima sera e poi è tornato al suo IronMan.

Vabbè, il primo amore non si scorda mai 🙂

DRAGO CELESTINO, UN AMICO CALDO CALDO

Drago Celestino: beh che dire, draghetto (come lo chiamo io) è stato un esperimento, più che altro. Molto dopo aver creato il Dinosauro per Samuele, mi sono  chiesta se fosse stato possibile creare un animaletto che stesse in piedi, si insomma come un pupazzo vero. Poi per caso mi sono imbattuta in un sito, russo credo, che contiene decine e decine di cartamodelli completi per pupazzi in 3D ed ho iniziato con qualcosa di semplice. Il cartamodello originale di Celestino in verità era un dinosauro, che con un paio di modifiche ho trasformato in un drago 🙂 Diciamo che anche questo step che consideravo “critico” l’ho superato 🙂

Questo sito è davvero perfetto ed in ogni cartamodello  viene indicato, esattamente, dove posizionare cosa tramite lettere (A con A, B con B ecc), a volte, però, se il pezzo non è troppo chiaro da capire, bisogna andare ad intuito in quanto la descrizione in russo è come dire… incomprensibile 🙂 

 

 

Translate »